top of page

Fotografia? Iniziamo con il glossario fotografico

Come iniziare al meglio con la fotografia se non dai suoi termini fotografici


Benvenuto/a nel mio blog.


Se sei qui è perché la fotografia ti interessa e forse sei alle prime armi.

Ricordo quando mi sono approcciata per la prima volta in questo mondo fantastico, dove lo spavento più grande lo presi quando iniziai a leggere tutte le terminologie(non ci capivo più niente!).


Ecco perché ho cercato di riassumere e semplificare le parole e i termini più noti qui sotto.

Inizia il tuo corso di fotografia dal glossario di termini fotografici.

Sono sicura che questo potrà fornire ai nuovi fotografi una luce per illuminare la strada della fotografia.


Qui sotto trovi alcune delle parole più comuni e usate in fotografia, leggile con calma e più volte nel corso del tempo.


FOTOGRAFIA

Iniziamo con la parola fotografia stessa, che ha un significato interessante.

La parola “foto” deriva dalla parola greca che significa luce, e la parola “grafico” deriva dalla parola greca che significa disegno.

Quindi la fotografia si basa essenzialmente sulla luce.

Il processo consiste nel catturare la luce con un mezzo fisico come la pellicola, o attraverso mezzi elettronici con un microchip, al fine di creare un’immagine che possa essere archiviata, condivisa e riprodotta.

La luce è focalizzata dall’uso di una lente, che contiene diversi elementi di vetro disposti in un modo specifico in modo da ottenere un’immagine nitida e proiettata sul mezzo di cattura.


ESPOSIZIONE AUTOMATICA O BRACKETING


Il più delle volte il tuo obiettivo cattura un’immagine che è esposta correttamente, cioè non troppo luminosa e non troppo scura.


Tuttavia, ci sono momenti in cui potresti volere intenzionalmente fare alcune immagini diverse della stessa scena: una più scura, una più luminosa e una intermedia.

Il Bracketing è un modo per farlo. Usando questa tecnica o impostazione sulla tua fotocamera, ci vorrà una serie di immagini che sono sotto- e sovraesposte. È quindi poi possibile combinare le immagini in seguito in software come Lightroom o Photoshop per ottenere le parti migliori di ciascuna di esse in un’unica immagine finita.


Diaframma


Che cos'è?


Il diaframma è l'occhio del tuo obiettivo, composto da una corona di lamelle metalliche. Immagina un foro che si apre e si chiude, pensa alla nostra pupilla.

La dimensione di questo foro sono indicate da una lettera: F ( esempio F 5.6).

Il diaframma fa entrare sempre la luce nel tuo obiettivo, ha la forma rotonda e rimane comunque sempre aperto.


A cosa serve?


Il suo ruolo è quello di farti decidere quanta luce vuoi far entrare.

Ha un ruolo importante per la tua creatività: in base alla sua apertura o chiusura si determina la profondità di campo.


Come funziona?


Si stringe e si dilata : quando la luce è forte si chiude per farne entrare di meno oppure quando la luce è poca si dilata per farne entrare di più.

Quindi:

Diaframma chiuso: poca luce

Diaframma aperto: tanta luce

Per trovare l’apertura più ampia possibile sul tuo obiettivo, cerca un numero su di esso che indichi qualcosa come f / 3.5 o 1: 2.8.

Ironia della sorte, quando si misurano le dimensioni dell’apertura, un numero inferiore è migliore quindi un obiettivo con un’apertura di f / 1,8 ha un’apertura massima maggiore rispetto a un obiettivo con un’apertura massima di f / 4. Se il tuo obiettivo mostra valori multipli come f / 3.5-5.6 significa che l’apertura più grande possibile quando lo zoom è f / 3.5 e quando lo zoom è f / 5.6.


PRIORITÀ D’APERTURA


Metti la tua fotocamera in Modalità Priorità Aperture (sulle fotocamere Nikon, ruota il selettore superiore su A, su Canon e altri su Av) ed è quindi possibile impostare l’apertura desiderata mentre la tua fotocamera calcola la velocità dell’otturatore e l’ISO richiesto per avere un immagine correttamente esposta. Nota: la fotocamera sceglierà l’ISO solo se stai utilizzando Auto-ISO. Se non lo fai dovrai selezionarlo tu.


Vuoi fotografare i tuoi animali con sfondi sfocati? Metti la fotocamera in Priorità apertura, ingrandisci completamente con l’obiettivo e ruota il quadrante in modo che il numero f sia il più piccolo possibile. Ora concentrati su di lui, scatta e via.


Vuoi scattare foto panoramiche nitide? Usa la stessa modalità, ma rimpicciolisci con l’obiettivo e imposta il valore su f / 8 of / 11 in modo che l’apertura sia molto piccola e che la maggior parte (o tutta) della tua immagine sia a fuoco.


AUTOFOCUS POINT


I punti di messa a fuoco automatica sono tutti i piccoli puntini o quadrati che vedi quando guardi attraverso il mirino.


Alcune fotocamere ne hanno molto, altre non ne hanno meno, ma a fini pratici, la quantità non ha importanza. Se si confrontano le fotocamere e uno ha 29 punti AF, mentre un altro ha 99 punti AF, entrambi sono perfettamente in grado di scattare belle foto, anche se quest’ultimo ti darà semplicemente un pò ‘più di flessibilità.


A seconda che tu faccia ritratti, paesaggi, azioni, animali domestici, cibo o qualsiasi altra cosa, la possibilità di selezionare i tuoi punti AF può essere davvero utile.

Puoi dire alla tua fotocamera di usare tutti i punti AF, un solo punto specifico, o mettere a fuoco usando un gruppo di punti (zona o messa a fuoco area).


FOCUS DEL BACK-BUTTON


Sulla maggior parte delle fotocamere, premi il pulsante di scatto a metà corsa per mettere a fuoco il soggetto.

Ma invece di farlo, puoi anche impostare la tua fotocamera per utilizzare un pulsante sul retro della fotocamera, che premi con il pollice. Sembra controintuitivo all’inizio ma è divertente, è un bel modo per avere un maggiore controllo sulla tua fotografia.

I fotografi sportivi e coloro che fanno fotografie o ritratti notturni usano spesso questa tecnica.

BOKEH

Bokeh è un nome di fantasia per le aree sfocate, sfocate, di un’immagine. Per ottenere il massimo effetto bokeh, utilizza un’apertura ampia, avvicinati molto al soggetto e assicurati che il soggetto sia lontano dallo sfondo.


MODALITÀ BULBO o “B”

Questa è un’impostazione della fotocamera utilizzata per esposizioni molto lunghe. In modalità BULB, la fotocamera aprirà l’otturatore quando viene premuto il pulsante dell’otturatore, quindi si chiude quando si rilascia il pulsante. Se si utilizza questa modalità, è anche utile disporre di un tipo di telecomando o di cavo collegato alla fotocamera in modo che non prenda in mano le vibrazioni quando si preme il pulsante.


CHIMPING


La funzione “Chimping” controlla costantemente le tue foto sullo schermo LCD posteriore della tua fotocamera, spesso senza particolari motivi. Non è una cattiva abitudine di per sé, ma se impari a smettere di farlo probabilmente inizierai a fidarti maggiormente del tuo istinto e presterai più attenzione a ciò che hai davanti alla tua fotocamera piuttosto che a ciò che è sullo schermo.

Prova a disabilitare la funzione di revisione automatica sulla tua fotocamera e a rivedere le immagini solo quando ritieni che sia davvero necessario (per controllare l’esposizione, la composizione, ecc.). Fare così può essere un po’ come saltare nella parte più profonda della piscina per imparare a nuotare, ma può essere incredibilmente gratificante.


ABERRAZIONE CROMATICA


L’obiettivo nella fotocamera funziona focalizzando i raggi di luce in ingresso. Tuttavia, a volte i diversi colori della luce si comportano in modo un po ‘strano a causa della costruzione di lenti diverse. Ciò può provocare un fenomeno chiamato aberrazione cromatica. Questo può accadere non solo con le fotocamere, ma anche con microscopi, telescopi e praticamente ogni situazione in cui la luce viene manipolata da una lente. Quando accade, noterai strane frange viola o verdi lungo i bordi degli oggetti o aree sfocate vicino al bordo della cornice. È particolarmente importante quando si scatta con diaframmi più ampi, ma può essere facilmente corretto con strumenti software come Lightroom o Photoshop.


CLIPPING O THE BLINKIES


La maggior parte delle immagini può essere modificata in software come Lightroom o Photoshop. Ma se ci sono parti di un’immagine che appaiono come punti lampeggianti quando guardi il retro della tua fotocamera, significa che non ci sono dati disponibili da modificare in quei punti. Semplicemente non esiste!

Sull’istogramma, questo si presenta come parti troppo distanti dal lato destro o sinistro e quelle parti dell’immagine sono così sovraesposte o sottoesposte che non è possibile recuperare nulla. Questo è un avviso per te, per rivedere la tua esposizione e regolare se ritieni necessario conservare i dettagli in quelle aree.


COMPOSIZIONE


Questo termine si riferisce all’intero contenuto dell’immagine. La composizione comprende ciò che è nella tua immagine, ciò che non è in esso, il tuo angolo di visione, la lunghezza focale, la quantità di bokeh desiderata e l’intera foto. Le immagini con una buona composizione hanno elementi che lavorano insieme per formare un’immagine e una storia complete: il soggetto, il primo piano, lo sfondo e tutto il resto si adattano perfettamente.

Le immagini ben composte possono anche utilizzare tecniche come linee guida per dirigere l’occhio verso una parte particolare dell’immagine. Una buona composizione richiede non solo tempo e molta pratica, ma anche lo studio delle opere di altri fotografi insieme a pittori e illustratori che hanno creato arte centinaia di anni prima che esistesse la fotografia.


SENSORE DI RITAGLIO o CROP SENSOR


La dimensione fisica del sensore nella maggior parte delle fotocamere è grande come un pezzo di pellicola da 35 mm, quindi si chiama sensore di ritaglio (o rifilato) perché è più piccolo. I sensori di ritaglio sono in genere di circa 22 x 15 mm, mentre i sensori full frame sono 36 x 24 mm.

Le lenti sulle fotocamere con sensore di taglio (o crop sensor) si comportano in modo leggermente diverso rispetto alle fotocamere full-frame. Ogni fotocamera che acquisti oggi con un sensore di ritaglio andrà perfettamente bene per quasi tutte le situazioni di ripresa. A meno che tu non sia un professionista e ha bisogno della massima qualità dell’immagine (o dei file più grandi possibili), puoi essere perfettamente soddisfatto di un modello di sensore di ritaglio.


PROFONDITÀ DI CAMPO


In fotografia, la profondità di campo (talvolta scritta come DOF) è la distanza tra gli oggetti più vicini e più lontani nella scena che appaiono a fuoco. È controllato da molti fattori tra cui l’apertura, la lunghezza focale dell’obiettivo, la distanza dal soggetto, la dimensione della pellicola o del sensore digitale e il formato della fotocamera.


Quando hai il soggetto a fuoco e qualcos’altro in primo piano o sullo sfondo che non è a fuoco, questa è una bassa profondità di campo. Quando tutto nella tua immagine è a fuoco, hai una vasta profondità di campo. Spesso si vede una profondità di campo ridotta nei ritratti perché rende il soggetto davvero diverso dal resto dell’immagine.


Scattare a diaframmi aperti può aiutarti a ottenere una profondità di campo ridotta, ma fai attenzione a non diventare troppo superficiale altrimenti potrebbe rovinare la tua immagine (ad esempio il naso del soggetto è a fuoco ma l’occhio non lo è).


GAMMA DINAMICA


Gamma dinamica o Dynamic Range è la differenza tra le parti più luminose e le parti più scure di un’immagine o di una scena. In sostanza, è la gamma di contrasto.


Gli occhi umani hanno un’incredibile gamma dinamica in quanto possiamo vedere cose davvero luminose e davvero buie allo stesso tempo. Se ti trovi in ​​una stanza e guardi fuori da una finestra in una giornata di sole, il cielo sarà luminoso e blu, ma sarai comunque in grado di guardarti intorno nella stanza e vedere le cose anche bene.


Le videocamere solitamente possono solo vedere (e catturare) aree veramente luminose o molto scure, ma non entrambe allo stesso tempo. Usando l’analogia della finestra, le cose fuori dalla finestra saranno illuminate in modo uniforme e la stanza apparirà scura, oppure la stanza apparirà uniformemente accesa mentre lo scenario esterno apparirà come super luminoso.


Le moderne fotocamere digitali non sono neanche lontanamente all’altezza dei nostri occhi ma hanno una gamma più dinamica rispetto ai loro predecessori. Sono molto più capaci a permetterti di esporre per le cose luminose (ad esempio assicurati che il cielo sia bello e blu) e quindi di usare il software per recuperare un sacco di dettagli dalle aree scure.


ESPOSIZIONE


Che cos'è:

è la quantità di luce che entra nella macchina fotografica e arriva al sensore. La luce entra attraverso il diaframma e l'otturatore. Per esposizione corretta s'intende dare la quantità di luce al sensore solo quanto basta per catturare tutti i dettagli.

Una buona esposizione è un equilibrio tra troppa luce e troppo poca. Quando c'è troppa luce si perdono tutti i dettagli nei toni chiari ( si bruciano i bianchi).

Quando c'è troppa poca luce, non si vede più nulla nelle zone scure: si bucano o si chiudono i neri.


A cosa serve?


Lo scopo di una buona esposizione è che il nostro scatto non risulti né troppo chiaro né troppo scuro.

Quasi tutte le fotografie prevedono di ottenere un’immagine che sia correttamente esposta. Questo si riferisce a quanto è brillante o scura un’immagine in generale, e mentre alcune immagini hanno parti molto luminose e parti molto scure tutta questa discussione ricade sotto l’ombrello del termine esposizione.


Questo perché quando si preme il pulsante di scatto sulla fotocamera si espone letteralmente il sensore di immagine (o la pellicola tempo fa) alla luce in ingresso. La quantità di luce catturata dipende dalla dimensione dell’apertura dell’obiettivo, dal tempo di apertura dell’otturatore e dalla sensibilità ISO del sensore digitale della fotocamera.


COMPENSAZIONE DELL’ESPOSIZIONE


Questo è un modo per regolare rapidamente la luminosità dell’immagine quando si scatta in modalità semi-automatica come Priorità apertura, Priorità tempi o Programmazione automatica.

Se si scatta una foto e si vede sullo schermo LCD (o sull’istogramma) che è troppo luminosa, è possibile utilizzare la compensazione dell’esposizione per regolare l’esposizione. Regolandolo su un valore negativo come -1 o -2 renderà la foto successiva più intensa. Lo stesso principio può essere utilizzato con valori positivi per rendere più leggere le immagini successive.


NOTA: assicurati di riportare a zero il Compensazione dell’esposizione quando hai terminato o tutte le altre immagini sono troppo scure o troppo luminose! Questa impostazione non si resetta automaticamente.

F-Stop o F-Number

Fondamentalmente, il numero f-stop o il numero f / sono una misura della quantità di luce che l’obiettivo lascia entrare attraverso l’apertura. È definito dividendo la lunghezza focale dell’obiettivo per il diametro dell’apertura. Sembra una dura matematica, ma guarda alcuni esempi:


Piccola apertura

Lente = 100mm

Diametro dell’apertura = 10mm (più piccolo, meno luce passante)

Il numero F pertanto = f / 10

Apertura più ampia

Lente = 100mm

Diametro dell’apertura = 50mm (più grande, più luce attraverso)

Il numero F pertanto = f / 2

Un numero f / stop più basso come f / 1.8 significa che stai scattando con un’apertura molto ampia e molta più luce sta entrando, mentre un numero f-stop più grande (come f / 16) indica una piccola apertura e non molta luce è in arrivo. Le lenti con valori f-stop ridotti sono buone in situazioni di scarsa luminosità perché possono far entrare più luce e scattare foto senza la necessità di utilizzare il flash. Un valore f-stop più piccolo può anche darti più bokeh o sfocatura dello sfondo.


FULL FRAME


A differenza delle fotocamere con sensore di ritaglio, i modelli full-frame hanno un sensore di immagine della stessa esatta dimensione di un “pezzo” di pellicola 35 mm (36 x 24 mm). Sono più costosi, hanno una migliore qualità generale delle immagini soprattutto a valori ISO più alti e gli obiettivi progettati per le fotocamere full-frame sono in genere di qualità superiore. Confrontando le fotocamere crop e full-frame con un auto è come una Fiat / Mercedes. Entrambi ti porteranno dove devi andare, ma quest’ultima lo fa con un po ‘più di eleganza e stile.


ISTOGRAMMA


Questo è il grafico che potresti vedere sul retro della tua fotocamera o nel tuo programma di editing sul computer. Ti mostra dove tutti i dati per le tue immagini si trovano su uno spettro di molto luminoso (a destra) a molto scuro (a sinistra).

Se il tuo istogramma sembra una montagna, la tua immagine è esposta correttamente, ma se sembra una valle con montagne su entrambi i lati, allora hai molte aree luminose e molte aree scure.

Se il tuo istogramma esce dal grafico su entrambi i lati, allora hai parti così luminose o così scure che potresti non essere in grado di recuperare nulla da quei punti in Photoshop o in un altro programma.

Sull'asse orizzontale sono rappresentate tutte le tonalità presenti nello scatto.

Il valore 0 corrisponde al nero.

Il valore 256 corrisponde al bianco.

I valori in mezzo corrispondono alle varie tonalità di grigio( in un file raw di : rosso, verde e blu).


DISTANZA IPERFOCALE

Nei termini più semplici, la distanza iperfocale è il punto di messa a fuoco a cui la foto avrà la massima profondità di campo.

L’esatta distanza iperfocale dipende da diverse variabili come la lunghezza focale di un obiettivo, la dimensione del diaframma o il f-stop utilizzato e la distanza tra il soggetto e la fotocamera. App e grafici sono disponibili per aiutare a calcolare la distanza iperfocale se si desidera la massima profondità di campo e nitidezza nell’immagine.


ISO


ISO si riferisce alla sensibilità della luce del sensore di immagine della fotocamera. Scatta a valori ISO bassi come 100, 200 o 400 quando hai molta luce disponibile. Scatta con valori ISO elevati come 1600 o 3200 quando non hai molta luce e vuoi evitare di usare il flash. Alcune persone pensano che valori ISO elevati producano immagini troppo rumorose o sgranate, ma a meno che tu non faccia molte stampe di grandi dimensioni procedere con ISO elevati aiuta a ottenere l’immagine desiderata.

NOTA: tecnicamente parlando, l’aumento della sensibilità ISO non aumenta la sensibilità del sensore immagine, ma aumenta il guadagno del sensore. Discutere di ciò va oltre lo scopo di questo articolo. Tuttavia, ciò che conta davvero è che quando si scatta a ISO 100 è necessario più luce per una buona esposizione rispetto a quando si utilizza un valore più alto come ISO 1600 o 3200.

KELVIN

Il bilanciamento del bianco viene misurato in gradi Kelvin, in modo simile alla temperatura dell’aria misurata in gradi Fahrenheit o Celsius. La luce del sole è di circa 5000 K (Kelvin) mentre la luce fluorescente artificiale è di circa 2700 K. Se si conoscono le condizioni di illuminazione è possibile impostare il bilanciamento del bianco di conseguenza, oppure è possibile utilizzare il bilanciamento del bianco automatico della fotocamera per consentire alla fotocamera di capirlo da solo.


OBIETTIVO di BASE o KIT


Un obiettivo di base è un obiettivo zoom che viene fornito di serie con la maggior parte delle fotocamere DSLR. Se sei come la maggior parte dei fotografi, avrai comprato la tua prima fotocamera “seria” (cioè con obiettivi intercambiabili) con l’obiettivo kit del produttore (l’obiettivo EF-S 18-55mm f3.5-5.6 IS II nella foto sopra è un obiettivo kit Canon ). Si tratta di obiettivi generici che sono decenti in molte cose ma eccellono in nulla in particolare. Un sacco di persone all’inizio li usano per anni, ma alcune persone preferiscono obiettivi più costosi progettati per scopi particolari. Se hai un obiettivo kit di base e ti trovi sempre a usare il pop-up flash, potresti optare per un’opzione diversa come un obiettivo iniziale da 35mm o 50mm.


Una delle caratteristiche degli obiettivi base e più economico è che in genere sono fatti di parti in plastica anziché in metallo, di solito non hanno una guarnizione impermeabile per proteggere dalla polvere e dalla pioggia e hanno aperture più piccole a causa della costruzione degli elementi dell’obiettivo.


Nonostante queste limitazioni, sono perfette per i principianti che vogliono iniziare a praticare con fotocamere più avanzate e desiderano un obiettivo che copra molte delle funzioni base.



LENS FLARE


In poche parole, il riflesso dell’obiettivo è una luce diffusa che colpisce l’elemento anteriore dell’obiettivo.


Si presenta in alcune immagini come punti circolari o strisce di luce. Ad alcune persone piace il riflesso dell’obiettivo, altre lo trovano fonte di distrazione, ma se fatto bene può creare un aspetto più morbido e organico di un’immagine.


Le lenti più costose hanno rivestimenti speciali per lenti per ridurre il riflesso della lente. Molti obiettivi hanno anche un paraluce che può essere montato sulla parte anteriore per evitare che la luce colpisca l’obiettivo.


MACRO FOTOGRAFIA

Macro significa semplicemente “grande” e un obiettivo macro può rendere enormi i piccoli oggetti come insetti, petali di fiori, permettendoti di avvicinarti molto a loro.


Tecnicamente parlando, la macro reale consente di riprodurre oggetti con un rapporto 1: 1 sul sensore di immagine. Una moneta da 1 cm di diametro se presa con un obiettivo macro, letteralmente occupa un cerchio di 1 cm sul sensore della fotocamera.


Riempirebbe quasi l’intero fotogramma e gli obiettivi macro realizzeranno questo consentendo di mettere a fuoco a distanze molto ravvicinate rispetto ad altri obiettivi.


Gli obiettivi macro sono costosi, ma producono immagini straordinarie e, se vuoi dilettarti con la fotografia macro senza andare in bancarotta puoi sfruttare la funzione macro (in genere rappresenta da un fiore) nella tua fotocamera.



MEGAPIXELS


I megapixel si riferiscono alla risoluzione di un sensore digitale o al numero di singoli punti (o pixel, che significa elementi dell’immagine) che costituiscono un’immagine digitale. Viene calcolato moltiplicando il numero di pixel in larghezza per il numero di pixel alti. Ad esempio per Canon 1DX è 5184 x 3456 = 17,9 milioni (o 18 megapixel effettivi ).


Onestamente, puoi ignorarlo per lo più se guardi le fotocamere. La gente pensava che più megapixel significassero una fotocamera migliore, ma semplicemente non è più così. Una Canon 1DX è una fotocamera ultra-professionale da 6000 euro che ha solo 18 megapixel. La Sony A7S è una fotocamera da 3000 euro che supera a 12 megapixel.


I telefoni cellulari hanno ovunque tra 6 e 12 megapixel, e la maggior parte delle fotocamere consumer ha ovunque tra 16 e 24. Ogni fotocamera prodotta oggi ha molti megapixel, quindi non pensarci due volte. Vai a prendere la tua macchina fotografica e scattare foto che ti piacciono.



FOTOCAMERA MIRRORLESS


All’interno di ogni Canon e Nikon DSLR c’è un piccolo specchio delle dimensioni di un francobollo. Si trova ad un angolo di 45 gradi e riflette la luce dall’obiettivo verso l’alto attraverso il prisma, al mirino in modo da poter comporre le tue foto.


Quando si preme il pulsante di scatto, si solleva (emettendo un leggero suono slap) in modo che la fotocamera possa inviare luce al sensore invece di creare l’immagine.


Fuji, Sony, Panasonic, Leica, Nikon, Canon, Pentax, Sigma e Olympus fanno tutte fotocamere mirrorless, che non hanno quello specchio. Di solito sono un po’ più piccoli ma sono praticamente uguali a una DSLR in ogni altro modo.


Alcuni sono chiamati “Micro Quattro Terzi”, il che significa che il loro sensore d’immagine è un po ‘più piccolo, ma tutti scattano foto meravigliose.


NEUTRAL DENSITY O FILTRO ND

ND è l’acronimo di Neutral Density e un filtro ND che ha una tinta scura per bloccare intenzionalmente la luce in ingresso, che consente di ottenere esposizioni molto più lunghe.


Se hai mai visto un’immagine di un fiume o di una cascata dove sembra che l’acqua sia liscia come la seta, è stata scattata con un filtro ND in modo che il fotografo possa lasciare l’otturatore aperto per diversi secondi anche in pieno giorno.


RUMORE

Se scatti foto con valori ISO molto alti come 3200 o 6400 e ingrandisci lo schermo del tuo computer, vedrai delle chiazze e dei disegni divertenti sulle tue immagini, un pò come la statica che potresti vedere su uno schermo TV super vecchio a tubo catodico – questo è il rumore digitale.

Un tempo era un grosso problema con le fotocamere digitali, ma oggi la tecnologia è diventata così buona che non è più un problema.


OBIETTIVO A LUNGHEZZA FOCALE FISSA


Un obiettivo che non esegue lo zoom avanti e indietro è anche chiamato a lunghezza focale fissa.

La maggior parte degli zoom hanno aperture massime molto piccole in modo che non possano far entrare tanta luce quanto gli obiettivi principali, che offrono tipicamente aperture massime grandi. Pertanto, gli obiettivi fissi possono scattare in condizioni di scarsa illuminazione senza utilizzare il flash e ti aiuteranno a creare più bokeh sullo sfondo se desideri scattare ritratti. Inoltre sono in genere più piccoli, più leggeri e più nitidi rispetto agli zoom.


Se hai usato un obiettivo kit o di base sulla tua fotocamera e vuoi provare qualcosa di nuovo, procurati un obiettivo primo 35mm o 50mm e sarai sorpreso di quello che puoi fare con esso.


MODALITÀ P o PROGRAMMA

No, la “P” sul quadrante della modalità fotocamera non rappresenta “Modalità professionale”, anche se alcuni professionisti lo usano.


È una sorta di strano ibrido tra priorità di apertura e priorità di scatto in cui la fotocamera seleziona alcuni valori di apertura, otturatore e ISO che pensa possano funzionare bene per una buona esposizione.


Quindi è possibile ignorare quelli ruotando una manopola o un quadrante per regolare contemporaneamente sia l’apertura che l’otturatore, assicurandosi comunque che il risultato sia un’immagine ben esposta.


È divertente giocare con la modalità di programma e, se si presta attenzione ai numeri di scatto e di scatto nel mirino, potrebbe aiutare a ottenere ulteriori informazioni su quali effetti hanno i loro valori di modifica sulle immagini.


Usando la Modalità Programma puoi anche accedere ad altre funzioni personalizzate come la possibilità di cambiare il bilanciamento del bianco, la libertà di forzare il flash a sparare o meno, e l’opzione di scegliere varie modalità di messa a fuoco.


FORMATO RAW


Quando scatti una foto con qualsiasi fotocamera, sia compatta o DSLR, o persino un telefono cellulare, il sensore di immagine registra tutti i tipi di dati di luce e colore e poi ne getta via una tonnellata per creare un piccolo spazio condivisibile detto File JPG.


Tuttavia, se si desidera la massima qualità dell’immagine e si desidera il controllo totale su come appaiono le immagini, è possibile scattare in modalità RAW.


Ciò significa che nessun dato viene messo da parte e puoi modificare i contenuti del tuo cuore in Photoshop, Lightroom o un altro programma sul tuo computer.


I file RAW sono enormi, riempiono rapidamente la tua scheda di memoria e non possono essere condivisi facilmente, ma molti fotografi li preferiscono perché consentono così tanta flessibilità nell’editing.


SINCRONIZZAZIONE DELLA TENDINA POSTERIORE

La luce viaggia veloce, veramente veloce.

Soprattutto se paragonato all’otturatore della tua fotocamera, che di solito è aperto per una frazione di secondo.

Quindi quando lavori con il flash, hai due opzioni; per far scattare il flash quando si apre l’otturatore (impostazione predefinita) o prima che si chiuda.


Quest’ultima è la cosiddetta sincronizzazione sulla seconda tendina.

La differenza è sottile ma può avere un impatto profondo sull’immagine risultante.


TRIGGER REMOTO


Un trigger remoto (o un pulsante di scatto) è un dispositivo semplice che si collega alla fotocamera o funziona in remoto per attivare l’immagine scattata.

Il tipo wireless invia un segnale radio alla tua fotocamera per scattare una foto, il che è fantastico se non vuoi essere fisicamente vicino alla tua fotocamera.


Fotografi naturalisti, insieme a quelli sportivi, per scattare quando gli animali passano in un determinato punto, spesso usano trigger a distanza.


Questi dispositivi sono un ottimo modo per ridurre al minimo il movimento che può risultare spesso dalla pressione del pulsante di scatto con il dito, anche se si utilizza un treppiede stabile.


Infine, molti fotografi professionisti utilizzano anche i trigger remoti per accendere i loro flash esterni o lampeggiatori, in modo che possano illuminare i soggetti da una varietà di angolazioni.



SENSORE

Il sensore è all’interno del corpo della fotocamera.

È un piccolo microchip piatto delle dimensioni di un francobollo che fa esattamente quello che una pellicola faceva un tempo nelle fotocamere della vecchia scuola.


Il suo unico scopo è quello di raccogliere la luce, in particolare la luce che passa attraverso l’obiettivo.


Sui telefoni cellulari e le telecamere tascabili, il sensore è molto piccolo, mentre su fotocamere più costose con obiettivi intercambiabili il sensore è molto più grande.


In generale, i sensori più piccoli non sono altrettanto buoni quando si scatta in situazioni di scarsa illuminazione, motivo per cui spesso si finisce per utilizzare il flash quando si scattano foto con una fotocamera tascabile o il cellulare.


Tuttavia, va notato che avere una fotocamera con un sensore più grande non ti rende, di fatto, automaticamente un fotografo migliore.


OTTURATORE


E’ una piccola tenda o tendina all’interno della fotocamera che si apre e si chiude per far entrare la luce.

Nella maggior parte delle fotocamere, funziona esattamente come le tende che si possono vedere su una finestra di casa.


La maggior parte delle fotocamere hanno una velocità massima dell’otturatore di 1/4000 esimo di secondo, che è super veloce e può prendere immagini molto nitide di un ballerino, skateboarder, o sportivo in movimento.


Il compromesso è che hai bisogno di un sacco di luce per usare una velocità di scatto così elevata, ma se stai scattando in pieno giorno sei a posto.



PRIORITÀ TEMPI


Questa è una modalità di scatto su molte fotocamere che consente di selezionare una velocità dell’otturatore e consentire alla fotocamera di individuare altri parametri come ISO (se si utilizza ISO Auto) e l’apertura.

È utile se non ti importa di cose come la profondità di campo e vuoi semplicemente congelare un momento nel tempo o creare un senso del tempo che passa.


Per i primi, usa una velocità dell’otturatore di 1/500 o 1/1000 di secondo e per quest’ultima occorrerà una velocità molto più lunga come 10 o 20 secondi.


Metti la tua fotocamera in modalità Priorità otturatore (S su Nikon e Tv o Time Value su Canon e altri), ruota una manopola per ottenere la velocità desiderata e lascia che la tua videocamera calcoli il resto.


La ghiera sulla fotocamera per selezionare la modalità di scatto:

a sinistra una della Canon (M manuale, Av priorità apertura diaframma, Tv priorità tempi, P programma) a destra una della Nikon: (M manuale, A priorità apertura diaframma, S priorità tempi, P programma).


SPEEDLIGHT

È un termine strano ma è un trucco generale, tutto ciò che si riferisce a qualsiasi tipo di flash che può essere collegato alla slitta della fotocamera o essere utilizzato fuori dalla fotocamera. Il flash incorporato nella maggior parte delle fotocamere è piccolo e non emette molta luce, ma i flashlight hanno abbastanza potenza per illuminare anche la stanza più buia. Il rovescio della medaglia è che sono costosi, pesanti e mangiano le batterie come pazzi.


SYNC SPEED

La velocità di sincronizzazione è la massima velocità di scatto che è possibile utilizzare quando si scatta con il flash senza che la luce si interrompa nelle foto in flash. Senza entrare nella complessità di come funziona l’otturatore della fotocamera e perché questo sia (oltre lo scopo di questo articolo), tutto quello che devi capire è che devi scattare alla velocità di sincronizzazione consigliata per la tua fotocamera (controlla il manuale, la maggior parte sono 1/200 o 1/250 di secondo) al fine di evitare questo problema. È possibile utilizzare un tempo di posa più lento, ma uno più veloce richiederà impostazioni e tecniche più avanzate.


OBIETTIVI TELE

Quando si parla di obiettivi tele si riferisce a obiettivi con una lunghezza focale più lunga rispetto a “normale” che è 50 mm su un sensore a pieno formato. C’è qualche dibattito su quali lunghezze focali costituiscono il teleobiettivo, ma in generale, 85 mm è considerato un teleobiettivo, 125 mm è medio, e qualcosa di oltre 200 mm è semplicemente noto come teleobiettivo.


MISURAZIONE FLASH TTL E E-TTL


La maggior parte delle fotocamere e dei flash funzionano utilizzando un sistema chiamato misurazione TTL, che sta per Through the Lens. (Potresti anche vedere E-TTL che sta per Evaluative Through the Lens e A-TTL che significa Advanced.).


Con la misurazione flash TTL, la fotocamera misura la quantità di luce che entra durante l’esposizione e spegne il flash quando ritiene che sia stata aggiunta una quantità sufficiente per un’esposizione corretta.

Con A-TTL ed E-TTL, la fotocamera fa scattare un pre-flash prima (differiscono leggermente rispetto a quando ciò accade) all’esposizione, che quindi misura e utilizza per regolare la potenza del flash di conseguenza per ottenere l’esposizione corretta . Quindi, se stai scattando in modalità E-TTL sul flash e imposta l’apertura per dire f / 5.6 – il pre-flash emette un raggio di luce, la fotocamera lo misura e regola il flash più in alto o più in basso per illuminare correttamente il soggetto da raggiungere f / 5.6.


BILANCIAMENTO DEL BIANCO


In parole semplici, il Bilanciamento del bianco significa regolare la tonalità del colore delle foto in modo che tutto il soggetto e la scena appaiano neutri o fedeli ai loro toni naturali. Diverse fonti di luce emettono un colore diverso (temperatura o colore della luce) in modo che la tua fotocamera abbia un’ambientazione per essere in grado di adattarsi all’ambiente circostante; questo è chiamato il bilanciamento del bianco.

La maggior parte delle fotocamere include pratici preset (incluso Auto o AWB), spesso accompagnati da indicatori visivi che aiutano a impostare il bilanciamento del bianco per una varietà di situazioni di ripresa. Le impostazioni comuni sono luce diurna, nuvoloso, ombra, fluorescente, flash, tungsteno o incandescente. Oppure puoi semplicemente scattare in formato RAW, che ti consente di impostare qualsiasi bilanciamento del bianco che desideri in seguito sul tuo computer usando un programma come Lightroom o Photoshop.


OBIETTIVO GRANDANGOLARE


Questo si riferisce a obiettivi con una lunghezza focale più breve di “normale” o 50 mm su un sensore a pieno formato. Gli obiettivi grandangolari sono apprezzati dalla natura e dai fotografi di paesaggi perché possono catturare panorami mozzafiato e ampi spazi aperti. Gli obiettivi ultra grandangolari (più larghi di 24 mm a pieno formato) sono molto ampi, ma non proprio un “fish-eye” (più largo di 15 mm).


Grande, sei arrivato fino in fondo! Torna ogni volta che senti sia necessario un ripasso.








10 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page